Aurora Ramazzotti, Selvaggia Lucarelli e “Pastorizia”



Quarantadue anni e mostrarne ventiquattro. Sì, Michelle Hunziker, tre figli, un marito, un ex marito, decine di programmi tv, set e chi più ne ha più ne metta non accenna a mostrare rughe. Proprio due giorni fa ha festeggiato il suo compleanno con amici, famigliari e, naturalmente, la figlia Aurora Ramazzotti, che ha documentato tutto su Instagram.

Quello della Hunziker è stato un compleanno estremamente social, infatti tanti sono stati gli auguri e apprezzamenti da parte di personaggi famosi oppure pagine Instagram, una in particolare Pastorizia Never Dies che le ha augurato “buon compleanno” a modo suo per ben tre volte, riscuotendo anche un certo apprezzamento sia da parte di Michelle che ha commenta con un “ma grazieeeeeeeee” chilometrico con tanto di cuoricino, sia da parte della Ramazzotti che si è mostrata anche piuttosto divertita, rispondendo con battute ed emoticon.

View this post on Instagram

Auguri mami ? @therealhunzigram

A post shared by Aurora Ramazzotti (@therealauroragram) on

Tutto normale sembrerebbe, se non fosse che la pagina Instagram non è del tutto raccomandabile, anzi non lo è per niente. Selvaggia Lucarelli se ne è accorta subito e lo ha fatto notare, sempre via social, prima alla Ramazzotti: “Cara Aurora, quando condividi le cose di Pastorizia, ricorda che Pastorizia ha rovinato la vita a parecchie ragazze diffondendo file pornografici e pedopornografici, insultando, bullizzando. E tua madre ha un’associazione che le donne, pare, le tuteli”.

In effetti, più e più volte Michelle Hunziker ci ha messo la faccia, parlando pubblicamente della sua battaglia per le donne. La Lucarelli, infatti, ne ha avute anche per lei: “I miei complimenti alla paladina delle donne Michelle Hunziker che anziché denunciare le schifezze fatte da Pastorizia negli anni nei confronti di migliaia di ragazze umiliate e finite nei tribunali, ringrazia Pastorizia perché che carini, le dicono che è sempre giovane



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *