Lazio, mercato o gestione: qual è il problema?



Sono ore calde per la Lazio. Per i giocatori in entrata e quelli in uscita, ma anche per il procuratore sportivo Alessandro Lucci, che sta gestendo due delle trattative più spinose in casa biancoceleste: il prestito (eventuale) di Alessandro Murgia e l’arrivo di Davide Zappacosta a Formello.

View this post on Instagram

😁🤙🏼

A post shared by Alessandro Murgia (@alessandromurgia) on

Il ventiduenne, infatti, scalpita per avere maggiore spazio, ma, anche quest’anno sembrerebbe essere l’ultima spiaggia di Inzaghi per l’undici della Lazio. Due sono i club in pole sul centrocampista, Spal ed Empoli. Malgrado Semplici lo conosca bene, già dai tempi della Primavera della Fiorentina e lo vorrebbe in sostituzione di Schiattarella (in probabile partenza per Frosinone), il club toscano sembrerebbe più vicino all’accordo con la Lazio: si pensa ad un prestito di un anno e mezzo, che assicurerebbe maggiore rendimento e continuità al giovane.

Martin Caceres

Per Zappacosta, invece, il discorso è un po’ diverso. Le parti si sono implicitamente accordate, il giocatore anche sembra annuire, ma come si dice “verba volant, scripta manent”: ancora nessuna tavola rotonda è stata fatta. Il Chelsea ha alzato l’asticella a 15 milioni, Lotito vorrebbe cavarsela con 13. Lucci, intanto, sta provando ad accelerare.

Pedro Neto nel post Lazio-Novara

👕 Esordio con la maglia de #LaPrimaSquadradellaCapitale per Pedro Neto!🎙 L'analisi post partita del portoghese a #LSC

Posted by S.S. Lazio on Sunday, January 13, 2019

C’è chi poi si chiede se negli ultimi mesi il mercato e l’organico della Lazio siano stato gestiti al meglio. I nodi fondamentali sono stati dalla scorsa stagione dei degni sostituti a Leiva, Milinkovic e Parolo. Nodi, che ancora oggi rischiano di restare imbrigliati tra le scelte tecniche di Inzaghi e la volontà dei giocatori di trovare più spazio altrove o semplicemente di cambiare aria: Badelj ha chiesto di essere ceduto, Berisha non è entusiasmato. Insomma, la differenza tra titolati e alternative è davvero netta in casa Lazio, chissà che il mercato di gennaio non serva proprio a ristabilire gli equilibri e a far tornare il buon umore.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *